Vai al contenuto

Intervista a BTicino

22 ottobre 2010

Per il primo incontro dell’ADI che si terrà martedì, abbiamo intervistato Fabrizio Fabrizi, Vicedirettore Generale e Direttore Ricerca e Sviluppo di BTicino, nonchè Direttore della Divisione Infrastutture e Sistemi Terziari all’interno del gruppo multinazionale Legrand.

Viene regolarmente invitato a seminari e conferenze presso varie università e associazioni in Italia e in Europa sui temi del design industriale, progettazione e industrializzazione. E’ stato membro del Comitato di Indirizzo del Master in Design Strategico del MIP Politecnico di Milano, è Vice Presidente di ACAE (Associazione per la Certificazione delle Apparecchiature Elettriche).

Quali temi deciderà di affrontare principalmente durante il suo intervento?

Quelli che penso interessino agli studenti: i meccanismi delle scelte riguardo ai nuovi prodotti, come e quando interagisce il design, quali sono i vincoli industriali e come si possa lavorare assieme per superarli, l’ importanza del design nel successo di un prodotto…

Le capita spesso di confrontarsi con studenti in una manifestazione come
Impresa Docet?

Non tutti i giorni, ma Bticino si è sempre resa disponibile a portare la sua esperienza agli studenti, sia a livello universitario, sia nelle Scuole Superiori. Penso che in questo campo siamo un caso quasi unico in Italia,
abbiamo per es. una convenzione con il Ministero dell’ Istruzione per favorire il rapporto tra Scuola e Azienda. Facciamo tutto questo con la convinzione che la diffusione della cultura fa crescere il nostro mondo, ma anche con la certezza che il contatto con i giovani porta spesso idee nuove

Quanto è importante la formazione dei giovani professionisti per BTicino?

Molto, oggi c’ è sempre più bisogno di persone con una solida formazione di base, a quella specialistica possiamo pensare noi, ma i criteri di fondo, la capacità di esaminare i problemi e di risolverli appartengono alla
formazione di livello universitario

Quali sono le principali attitudini e capacità richieste a un neolaureato intenzionato a entrare a far parte della vostra azienda?

Curiosità, voglia di apprendere, disposizione ad innovare. Non ci interessano molto quelli che vogliono avere tutto dettagliato, gli esecutori minuziosi

La BTicino si distingue da sempre per avanguardia nelle nuove tecnologie e nel design. Quanto spazio lasciate all’inovazione e quale ruolo rivestono i giovani in questo processo?

L’ innovazione è la caratteristica primaria di Bticino, sta nel suo codice genetico. Nel nostro settore questo richiede certamente una ricerca tecnologica costante, ma soprattutto una capacità di cambiare alcuni approcci consolidati , di trovare nuove strade. I giovani sono condizione essenziale per garantire successo a questo approccio

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: